Weekend romantico a tutto gas

Come raggiungere il B&B di charme scelto online per una parentesi d’amore? In auto, ma con un occhio al portafoglio

Da sempre, per una fissazione un po’ assurda e non più molto giustificata da una scelta di buon rapporto qualità/prezzo, le mie auto sono Alfa Romeo. Ho cominciato negli anni ’60 con una Giulietta Sprint e ora per i miei viaggi alla ricerca/verifica delle locande di charme a cui proporre l’abbonamento al nostro sito www.charme-online.net uso una 159 sportwagon che ho comprato usata (in un prossimo articolo vi spiegherò perché in fatto di automobili “usato” è sempre meglio di “nuovo”).

Tra gli inconvenienti dell’Alfa, c’è che soprattutto se come nel mio caso si ama la velocità (rinvio a un altro prossimo articolo i trucchi per evitare multe e salassi di punti patente), i consumi di carburante sono notevoli: io raramente riesco a fare più di 9 km con un litro.

Per questo ho montato sulla mia macchina un impianto a gas gpl, che costa assai meno della metà del carburante tradizionale. E vi giro con molta determinazione il consiglio.

Come si fa ? Quanto costa e perché conviene l’investimento ? Quali sono i vantaggi e gli inconvenienti della scelta ? Ecco i punti principali da prendere in considerazione.

  1. E’ indispensabile un modello d’auto di qualsiasi marca ma a benzina, perché l’impianto gpl non è compatibile con il diesel
  2. Cercate su Internet alla voce “gpl impianti auto” le ditte specializzate presenti nella vostra città. Esistono varie marche, ma sono tutte omologate e vidimate dalle autorità, e dunque affidabili. In ogni caso, se avete un meccanico di fiducia potete chiedere consiglio anche a lui. Il prezzo dell’impianto varia tra i 550 e 1000 euro, che si ammortizzano percorrendo poche migliaia di Consiglio di scegliere anche in base alla capienza del serbatoio del gas, che va dai 35 ai 50 litri, in modo da aumentare l’autonomia. Per il montaggio in genere bastano 24/48 ore
  3. Il serbatoio viene collocato nel vano predisposto per la gomma di scorta. Questo significa che non avrete più il <(peraltro scomodissimo) ruotino di ricambio, ma esistono dei kit completi di pompa e liquido tappabuchi (100/200 euro) che sono abbastanza affidabili. E in ogni caso una tessera Aci (70 euro) o il soccorso stradale incluso nella maggior parte delle polizze di assicurazioni garantisce che a sostituire la gomma forata sia l’addetto al carro attrezzi convocato per l’occasione
  4. Un litro di gas assicura a parità di velocità lo stesso numero di km di un litro di benzina.
  5. Ricordate che anche in presenza dell’impianto gpl, l’auto può continuare a marciare a benzina: l’autonomia è dunque di fatto raddoppiata (naturalmente quando si usa la benzina, però, i costi di viaggio salgono)
  6. Il vero problema del gpl è trovare i distributori che lo vendono: in genere sono solo nelle periferie delle città e sulle autostrade (ma attenzione: in autostrada i prezzi a litro salgono anche del 20%)
  7. Tra i molti vantaggi delle auto a gas, c’è che possono circolare anche nelle giornate di divieto “ecologico” per le altre auto
  8. Naturalmente esistono anche modelli d’auto che hanno già all’origine l’impianto a gas: ma costano decisamente di più rispetto alla soluzione auto usata + impianto montato successivamente